martedì 9 giugno 2015

La filosofia del CLEBA

Il CLEBA, Comitato Lodigiano per l'Eliminazione delle Barriere Architettoniche, prende atto dell'articolo apparso ne il Cittadino del 3 giugno 2015 inerente la tematica delle barriere architettoniche.
Il CLEBA, riprendendo il progetto siglato nel 2009 con un accordo di collaborazione, ha riavviato con l'Amministrazione comunale un percorso di condivisione delle strategie e delle metodologie per superare la problematica delle barriere architettoniche e sensoriali, ritrovando nell’amministrazione un interlocutore aperto e disponibile a ragionare su soluzioni fattive.
Si sono così concretizzati una prima serie di incontri presso la sede comunale, l’effettuazione di un sopralluogo congiunto con assessori e rappresentati dell’ufficio tecnico presso gli uffici anagrafe e servizi sociali, e l’organizzazione di una mattina di sensibilizzazione per la cittadinanza che si è svolta domenica 24 maggio 2015 e che ha visto la collaborazione fattiva degli assessori nel creare l’evento. L'articolo citato è frutto di una iniziativa personale dell'ANMIC e del suo presidente e, pertanto, non condivisa con il Comitato.
La filosofia costitutiva e operativa del CLEBA risiede, invece, nel lavorare in sinergia con un confronto aperto e paritetico su temi che grazie a una visione di insieme corale possono essere gestiti e risolti con proposte operative realistiche e di buon senso.
Ragionare singolarmente su una realtà complessa quale quella derivante dai caratteri morfologici di una città con i quali le persone con disabilità interagiscono, non corrisponde alla filosofia del CLEBA.


Nessun commento:

Posta un commento